Orsa con due cuccioli in Bondone

In merito all'articolo uscito giovedì 14 luglio 2016 sul quotidiano l'Adige “Orsa e due cuccioli, grande paura”, si osserva che non risulta alla Provincia ed alle strutture che si occupano della gestione della popolazione di orsi presente sul territorio provinciale alcun fenomeno di “scoraggiamento” nei confronti dei turisti che frequentano la montagna di Trento indotto dalla presenza della cartellonistica predisposta dalla Provincia (180 cartelli sull'intero territorio provinciale) per segnalare la presenza del plantigrado e ricordare le norme di comportamento da tenere. 
Nessuna manifestazione di “sconforto e insofferenza per una presenza che da mesi complica la vita e i bilanci delle strutture che si occupano di ricettività nella zona degli orsi” risulta inoltre pervenuta da parte di operatori turistici del Monte Bondone, località che, come può facilmente desumersi dai dati relativi alle presenze ed alle prenotazioni turistiche per l'estate in possesso dell'Apt Trento – Monte Bondone – Valle dei Laghi, sta anzi vivendo una delle sue migliori stagioni, trovando persino difficoltà, causa esaurimento dei posti letto nelle strutture alberghiere, ad esaudire tutte le richieste di ospitalità e soggiorno.